SIMIT sul rischio Ebola in Italia

Secondo la Societa' Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT), in risposta all'allarme dell'arrivo di Ebola in Europa dopo il caso spagnolo, annuncia che l'Italia sia tra i paesi europei più a rischio di contagio perchè geograficamente più esposta al rischio di importazione del virus.
Nonostante tutte le attuali misure di prevenzione già attuate sarebbe necessario intensificare i controlli soprattutto sulle aree portuali e lungo le coste dove sbarcano periodicamente clandestini provenienti dall'Africa. "La Sicilia - secondo Antonio Chirianni, Vicepresidente della SIMIT - per la sua posizione geografica, sembra essere la regione più interessata dal potenziale contagio". "Sebbene l'infezione - continua Chirianni - si trasmetta mediante contatto interumano diretto con organi, sangue e fluidi biologici, e' importante anche evidenziare che il virus permane a lungo nello sperma e che, pertanto, i rapporti sessuali possono rappresentare un veicolo di diffusione dell'infezione anche 6-7 settimane dopo la guarigione."Inoltre, il portavoce della SIMIT afferma che "Il lungo tempo di incubazione, fino a 21 giorni, dell’infezione da virus Ebola può comportare la probabilità che un individuo asintomatico proveniente dai Paesi endemici manifesti la malattia al suo arrivo in Europa.

Fonte notizia: agi.it

Trovi interessante questa pagina? Condividila su Facebook!

Planisfero e Schede paese

Aggiornamento in tempo reale della situazione sanitaria dei paesi del mondo. Schede Paese e Alert sanitari

Scopri i dettagli »

Scarica l'app TravelClinic

Porta la Travel Clinic CESMET sempre con te. L’applicazione che ti informa nei tuoi viaggi nel mondo.

Scopri i dettagli »

La TH Card

Assistenza medica 24/h in ogni parte del Mondo in costante collegamento con la tua Travel Clinic di fiducia.

Scopri i dettagli »

Prenota un appuntamento

Per prenotare una visita, prendere un appuntamento per una vaccinazione, informazioni sui servizi.

Scopri i dettagli »