Ritorna Ebola in Uganda?

Autore: Chiara Talone - Pubblicato il: 08/08/2012
Sezione: Notizie - Categoria: Archivio notizie
Parole chiave: Ebola Uganda

8 agosto 2012 - Pazienti terrorizzati sono fuggiti da un ospedale in Uganda occidentale, non appena la notizia che una misteriosa malattia che ha ucciso almeno 14 persone nella regione, fosse provocata dal virus Ebola. Nel corso di una conferenza stampa a Kampala il 28/7 u.s. funzionari di governo ed un rappresentante dell'Organizzazione mondiale della Sanità hanno comunicato che indagini di laboratorio svolte nell’Uganda Virus Research Institute hanno confermato la presenza di un’epidemia di Ebola in Uganda. I funzionari della sanità hanno detto che almeno 20 persone sono state infettate con 14 morti. Hanno inoltre aggiunto che uno dei morti a Kibaale era un clinico e che le altre vittime provenivano da un unico nucleo familiare in Nyamarunda. Joaquim Saweka, rappresentante in Uganda per il WHO, ha detto che le infezioni sospette sono emerse nella regione ai primi di luglio, ma la conferma del sospetto è avvenuta solo molto più tardi, il 26/7. Il governo ugandese ha comunque proposto una task force d'emergenza e ha esortato la popolazione a mantenere la calma, e di concerto con l'OMS e i Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC) ha inviato esperti a Kibaale per affrontare l'epidemia.

Non vi è alcun trattamento o vaccino specifico contro il virus Ebola, che viene trasmesso attraverso lo  stretto contatto personale e, a seconda del ceppo, può uccidere fino al 90 per cento di coloro che hanno contratto il virus.
Ha una storia devastante in Uganda, dove nel 2000 almeno 425 persone sono state infettate, di cui oltre la metà è morto. Ebola è stato precedentemente segnalato nel paese nel maggio dello scorso anno, quando ha ucciso una ragazza di dodici anni.

La prevenzione per i viaggiatori in area africana in realtà si basa, oltre al consiglio generico di evitare il contatto con persone potenzialmente infette e sull’abitudine ad una rigida e continua igiene personale, sul fatto di tenersi comunque il più lontano possibile dalle regioni, generalmente non vaste e ben delimitate, in cui avvenga una nuova segnalazione di casi di Malattia da virus emorragici, come Ebola. Pertanto la migliore profilassi è rappresentata dal consiglio sull’argomento fornito in tempo reale dai medici dei Centri di medicina dei viaggi in occasione della consulenza di viaggio.

Fonte: irishtimes.com

Trovi interessante questa pagina? Condividila su Facebook!

Planisfero e Schede paese

Aggiornamento in tempo reale della situazione sanitaria dei paesi del mondo. Schede Paese e Alert sanitari

Scopri i dettagli »

Scarica l'app TravelClinic

Porta la Travel Clinic CESMET sempre con te. L’applicazione che ti informa nei tuoi viaggi nel mondo.

Scopri i dettagli »

La TH Card

Assistenza medica 24/h in ogni parte del Mondo in costante collegamento con la tua Travel Clinic di fiducia.

Scopri i dettagli »

Prenota un appuntamento

Per prenotare una visita, prendere un appuntamento per una vaccinazione, informazioni sui servizi.

Scopri i dettagli »