Può la perdita di una provetta minacciare l'umanità?

27 marzo 2013 - Il virus Guanarito non è fra quelli più noti al grande pubblico, ma rischia di diventarlo per ciò che di recente è successo in Texas. Il Galveston National Laboratory (GNL) ha annunciato che a seguito di un controllo è stato appurato lo smarrimento di una provetta, su di un lotto di cinque, contenente un virus potenzialmente letale, denominato “Guanarito”. Il GNL è una struttura del valore di 174 milioni di dollari, dedicata a coltivare e manipolare in condizioni di estrema sicurezza il materiale biologico dalle caratteristiche più pericolose. Il virus Guanarito è un agente in grado di provocare una malattia grave a tipo “febbre emorragica”, in maniera molto simile al più famoso virus Ebola. Le manifestazioni patologiche di questi virus, detti VHF (Viral hemorragic Fever) e fra gli altri ricordiamo Marburg, Lassa, Junin e Ebola appunto, si localizzano in svariati organi ed apparati e danno luogo ad emorragie gravi ed intrattabili, con tassi di letalità elevatissimi, come recitano i CDC.

Un incidente di questo genere, con le sue potenziali, ma per fortuna al momento irrealizzabili, conseguenze, mette indubbiamente in luce delle mancanze notevoli nella sicurezza di questo laboratorio. In realtà il Portavoce della Texas University, Dr. Schaffner ha dichiarato che questo specifico virus, il “Guanarito” non è altrettanto pericoloso, come arma biologica, dell'antrace, in quanto predilige la trasmissione fra i roditori in Venezuela, dove tale malattia è endemica, e non fra gli esseri umani. Ed inoltre David Callender, presidente dell'University of Texas Medical Branch non ritiene che le specie di roditori presenti nel Nord America alberghino tale virus e siano in grado di garantirne un ciclo biologico di sviluppo e quindi di determinare con la trasmissione fra individui l'attecchimento nel nuovo territorio.

Secondo il Dr. Kurilla del NIH (National Instutute of Health) il virus ha causato molte centinaia di casi nella terra di origine, con un tasso di letalità del 10-20%. Ha aggiunto che in mancanza di una terapia specifica tale cifra sembra piuttosto elevata, conferendo al malato solamente una possibilità su cinque di sopravvivere. Al GNL vengono messe in atto le procedure più strette per garantire la massima sicurezza, in quanto vi vengono trattati agenti infettivi che meritano tale trattamento: Ebola, Guanarito, Antrace, Il Guanarito stesso ecc.. Tale livello di sicurezza è individuato con la sigla BSL4, cioè Bio Safety Level 4, il massimo possibile. Ad esempio il virus dell'AIDS, cioè l'HIV, o il batterio della tubercolosi  meritano un livello di sicurezza più basso: BSL3. Il livello, che corrisponde ad un parametro oggettivo di pericolosità  è determinato da intrinseche qualità di trasmissibilità e diffusibilità dell'agente infettivo e anche di maneggiabilità.

Ma come ci si è accorti di questa mancanza? In seguito ad un'ispezione interna routinaria che ha riscontrato la presenza di sole quattro provette, contenenti il virus “Guanarito” rispetto alle cinque previste. L'ipotesi più probabile secondo i Responsabili dell'indagine è che sia avvenuta una rottura di provetta in corso di lavorazione, evenienza magari considerabile risibile, ma tutt'altro che rara in tutti i laboratori del mondo. Questa spiegazione razionale spazza via qualsiasi speculazione sensazionalista riguardo ad un possibile trafugamento. Soprattutto apre la via ad un'ulteriore considerazione in ordine al destino dei materiali impiegati nel laboratorio, che controllati e contingentati vanno tutti invariabilmente ed inevitabilmente a finire in un apposito impianto di trattamento e di incenerimento, mantenuto in condizioni di adeguata pressurizzazione, per impedire qualsasi dispersione di vapori o liquidi potenzialmente pericolosi. La provetta ed il suo contenuto però sono ormai scomparsi e del tutto irreperibili, se le cose stanno effettivamente così.

Secondo il Dr. Kurilla è possibile che chi sta indagando trovi l'errore materiale che ha portato allo smaltimento accidentale, ma con l'uso di una registrazione computerizzata, è meno probabile che i numeri delle fiale siano stati cambiati  e l'errore può essere facilmente rintracciabile. "Ho il sospetto che non si sarà mai in grado di fornire una valida spiegazione dell'accaduto, nell'ipotesi si sia trattato di un errore umano", ha detto il Dr. Schaffner." E' dipeso tutto dal modo di mantenere i registri. Ed è avvenuto un errore, un tipico errore di distrazione, come può tipicamente avvenire quando si effettua un lavoro noioso materialmente,  ma purtroppo maledettamente importante”.

Fonte

http://abcnews.go.com
 

Trovi interessante questa pagina? Condividila su Facebook!

Planisfero e Schede paese

Aggiornamento in tempo reale della situazione sanitaria dei paesi del mondo. Schede Paese e Alert sanitari

Scopri i dettagli »

Scarica l'app TravelClinic

Porta la Travel Clinic CESMET sempre con te. L’applicazione che ti informa nei tuoi viaggi nel mondo.

Scopri i dettagli »

La TH Card

Assistenza medica 24/h in ogni parte del Mondo in costante collegamento con la tua Travel Clinic di fiducia.

Scopri i dettagli »

Prenota un appuntamento

Per prenotare una visita, prendere un appuntamento per una vaccinazione, informazioni sui servizi.

Scopri i dettagli »