Prevenzione Mers - CoV

13/10/2013 - Il Ministro della salute dell’ Arabia saudita Abdullah al Rabia, ha dichiarato questa settimana che dai test effettuati sui pellegrini che si radunano nel Paese arabo per l’Haji annuale, cioè il pellegrinaggio a La Mecca, finora  non è emerso nessun pericolo epidemico, in particolare non appare presente il virus che causa la  MERS-CoV.  Il virus , chiamato da OMS-WHO  Sindrome respiratoria del Medio Oriente ( Middle East Respiratory Syndrome , MERS), appartiene alla stessa famiglia del virus che causò la sindrome respiratoria acuta grave (SARS), che ha provocato quasi 800 decessi nel mondo nel 2003.

"Il ministero ha adottato misure severe di quest'anno" ha proseguito e "i dipendenti hanno ricevuto ordini precisi per isolare i sospetti ed eseguire le necessarie analisi del caso".

Ma i pellegrini non sembrano preoccuparsi troppo, e alla maggior parte d’altronde  non è stato ancora raccomandato dal Ministero saudita alla Salute di indossare una maschera protettiva.

"Tutto dipende dalla volontà di Dio", dice Ahmed Mahmoud, un egiziano che senza maschera sta sgomitando per guadagnare posizioni fra i pellegrini sulla spianata della Grande Moschea , il primo santuario dell'Islam. A Mahmoud in realtà è stata invece consegnata una maschera all'aeroporto di Jeddah  che si trova sul Mar Rosso, e poi un’altra al suo arrivo in hotel. Dichiara di avere l’intenzione di indossarla, ma più tardi. Circa 600 dipendenti del Dipartimento di Salute sono stati dispiegati presso l'Aeroporto Internazionale di Jeddah per garantire che i pellegrini siano vaccinati contro diverse malattie. I dipendenti dell'aeroporto , dove la maggior parte dei fedeli  arrivano dall’estero, indossano maschere , come la maggior parte dei soldati ai posti di blocco posti  per evitare l’ingresso illegale dei pellegrini.

Nel frattempo giunge notizia da fonte ufficiale ministeriale che due sauditi sono morti a Riyadh dopo aver contratto il virus MERS, proprio quando  il regno si prepara ad ospitare circa due milioni di pellegrini musulmani per l' Hajj.

I due uomini, di età compresa tra 78 e 55 anni, risultavano portatori di altre malattie croniche. La fonte non ha specificato quando si sono verificati i decessi. Nel frattempo , le autorità hanno registrato altri due infezioni , portando a 119 il numero di persone contagiate nel regno da quando la malattia è comparsa prima volta in Arabia Saudita , nel settembre 2012.

Il virus MERS ha finora carpito 58 vite in tutto il mondo, con il maggior numero di morti per la malattia respiratoria - 51 - nella stessa Arabia Saudita , tra cui sono compresi  gli ultimi due. L’ Hajj si svolge nella città santa della Mecca, che si trova a circa 800 chilometri ad ovest di Riyadh . Tuttavia, le autorità hanno detto di essere  ottimisti sul fatto che l’hajj passerà senza che si manifesti alcuna epidemia, dato che frale moltitudini di musulmani che  sono andati in pellegrinaggio per altri motivi durante tutto l'anno non vi è stata alcuna diffusione di massa del virus MERS .

Fonti

http://www.leparisien.fr
http://www.google.com

Trovi interessante questa pagina? Condividila su Facebook!

Planisfero e Schede paese

Aggiornamento in tempo reale della situazione sanitaria dei paesi del mondo. Schede Paese e Alert sanitari

Scopri i dettagli »

Scarica l'app TravelClinic

Porta la Travel Clinic CESMET sempre con te. L’applicazione che ti informa nei tuoi viaggi nel mondo.

Scopri i dettagli »

La TH Card

Assistenza medica 24/h in ogni parte del Mondo in costante collegamento con la tua Travel Clinic di fiducia.

Scopri i dettagli »

Prenota un appuntamento

Per prenotare una visita, prendere un appuntamento per una vaccinazione, informazioni sui servizi.

Scopri i dettagli »