L'incredibile storia di Mamadee

L'Ebola, il virus che sta spaventando il mondo intero, è stato sconfitto da un bambino di 11 anni: la storia di Mamadee che vive in Liberia, uno dei Paesi più colpiti da Ebola, ha dell'incredibile.

Dopo un periodo di trattamento al centro di Foya gestito da Medici senza frontiere (Msf), il piccolo è guarito.
Nel Centro di Foya, racconta Msf, i pazienti si riuniscono su panche di legno e sedie di plastica. La radio trasmette musica africana ma i pazienti sono molto deboli e passano molto tempo a letto. Eccetto uno: Mamadee balla sulle note di Azonto, la musica tipica originaria del Ghana.
È difficile credere che sia anche lui un paziente, eppure è uno dei casi confermati di Ebola.
Il 15 agosto Mamadee era risultato negativo al test. Durante la notte nel dormitorio ha però iniziato a sviluppare alcuni dei sintomi tipici del virus (nausea, febbre, dolori muscolari, diarrea). Il giorno seguente è stato ricoverato al Centro.
Mamadee ''era chiaramente affetto da Ebola - racconta Roberta Petrucci, medico di MSF appena rientrata da Foya - ed è risultato positivo anche alla malaria".
I medici lo hanno curato con multivitamine, paracetamolo, antibiotici e pastiglie antimalaria.  Ma il 20 agosto arriva il risultato del secondo test per l'Ebola e, come ci si aspettava, è positivo. L'unica cosa che non quadra è che il giovane Mamadee nel frattempo si sente già bene e gioca e corre per tutto il Centro.
''Non ci potevamo credere - prosegue Petrucci - pensavamo fosse un errore, ma quando l'equipe medica gli ha fatto un nuovo test alcuni giorni dopo, Mamadee era positivo. Il suo quadro clinico era notevole ma non eccezionale, ma era il suo atteggiamento ad essere decisamente eccezionale''.
Una settimana dopo, anche Maya la sorella di Mamadee, viene ricoverata nel Centro. La ragazza di 14 anni muore dopo pochi giorni dal suo arrivo. Il 4 settembre, il quarto test di Mamadee torna dal laboratorio della vicina Gueckedou, in Guinea: questa volta è negativo.   Appena apprende la bella notizia, Mamadee corre fuori dal Centro. "Sono molto felice oggi", dice, senza realmente rendersi conto della battaglia che ha vinto.


Fonte: panorama.it
 

Trovi interessante questa pagina? Condividila su Facebook!

Planisfero e Schede paese

Aggiornamento in tempo reale della situazione sanitaria dei paesi del mondo. Schede Paese e Alert sanitari

Scopri i dettagli »

Scarica l'app TravelClinic

Porta la Travel Clinic CESMET sempre con te. L’applicazione che ti informa nei tuoi viaggi nel mondo.

Scopri i dettagli »

La TH Card

Assistenza medica 24/h in ogni parte del Mondo in costante collegamento con la tua Travel Clinic di fiducia.

Scopri i dettagli »

Prenota un appuntamento

Per prenotare una visita, prendere un appuntamento per una vaccinazione, informazioni sui servizi.

Scopri i dettagli »