Il colera è arrivato in Somalia

Autore: Francesco Spinazzola - Pubblicato il: 20/09/2012
Sezione: Notizie - Categoria: Archivio notizie
Parole chiave: colera, somalia

L'epidemia di colera in atto nel paese aggrava una situazione già preoccupante per le condizioni politiche del momento

20 settembre 2012 - Giuba - Il MET sta attivamente seguendo l’evoluzione del focolaio di colera in Africa. L’epidemia sembra guadagnare sempre più regioni o Paesi africani. Il 18/9 u.s. l’IRIN news service (un’agenzia che si occupa di problemi umanitari per conto delle Nazioni Unite)  ha comunicato che il Governo somalo ha  rilevato un focolaio sospetto di colera nel villaggio di Hoosingo nel territorio del basso Giuba. Sono stati notificati 107 casi, con 12 decessi, nel periodo tra il 5 ed il 13 settembre.

La situazione è particolarmente critica, non solamente per quanto riguarda la possibilità di eseguire una diagnosi più accurata, che consentirebbe un intervento maggiormente mirato ed efficace, ma anche per le problematiche sanitarie determinate dalla mancanza di strutture di accoglimento ed assistenziali e per la difficoltà di applicare misure di sanità pubblica idonee a sorvegliare, circoscrivere ed estinguere il focolaio. I motivi di questa incresciosa situazione sono da ricercare nella ben nota devastazione provocata da anni di conflitti di vario genere nel Paese e nelle regioni viciniori che hanno cancellato il sia pur tenue tessuto sociale delle comunità e disperso quel poco di risorse sanitarie presenti. Inoltre alcune aree sono di fatto inaccessibili, sempre a causa delle guerre locali.

La preoccupazione generale risiede inoltre nel fatto di una potenziale diffusione del focolaio non solo nell’ambito del territorio in oggetto, ma anche di un potenziale allargamento oltre i confini con il Kenia, ad esempio, a causa dei continui movimenti di popolazione.

Fonti

http://sabahionline.com ; http://www.irinnews.org

Commento

Il colera è particolarmente letale per i bambini, gli anziani e per coloro che hanno fattori predisponenti a livello digestivo, condizioni di ipocloridria etc.. in attesa che gli Organismi Internazionali riescano ad avere ragione dell’epidemia africana, per i viaggiatori ricordiamo la disponibilità del vaccino “Dukoral”, presso il MET e in mancanza, la possibilità di ricorrere alla profilassi con doxiciclina 100 mg, una compressa al giorno a pranzo. Va comunque sempre rispettato da ognuno il mantenimento dei comportamenti di massima prudenza nei confronti delle infezioni oro-fecali, come descritto in altra parte del sito.

Valutazione del rischio

Basso 



 

Trovi interessante questa pagina? Condividila su Facebook!

Planisfero e Schede paese

Aggiornamento in tempo reale della situazione sanitaria dei paesi del mondo. Schede Paese e Alert sanitari

Scopri i dettagli »

Scarica l'app TravelClinic

Porta la Travel Clinic CESMET sempre con te. L’applicazione che ti informa nei tuoi viaggi nel mondo.

Scopri i dettagli »

La TH Card

Assistenza medica 24/h in ogni parte del Mondo in costante collegamento con la tua Travel Clinic di fiducia.

Scopri i dettagli »

Prenota un appuntamento

Per prenotare una visita, prendere un appuntamento per una vaccinazione, informazioni sui servizi.

Scopri i dettagli »