Febbre Dengue a Madeira

29 ottobre 2012- La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno  segnalava un totale di 18 casi con 191 casi probabili. Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire l'esportazione di vettori infetti dall'isola.

La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione, vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi, dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.

Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.

L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei porti. L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere anch’esse  misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro territorio.

I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente ai sistemi di sorveglianza. In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi dentro e fuori Madeira.

Rischio biologico

Basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET

La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET
 
 
La dengue si è manifestata in forma di focolaio a Madeira, isola dell’Atlantico al largo delle coste della
madre patria portoghese. La situazione al 10 ottobre di quest’anno segnalava un totale di 18 casi con 191
casi probabili.
Le autorità sanitarie del Portogallo stanno attuando a livello locale appropriate misure di controllo per
ridurre il rischio di trasmissione, per ridurre al minimo l'impatto sulla popolazione colpita e per impedire
l'esportazione di vettori infetti dall'isola. Fonte: http://www.who.int
La febbre dengue è trasmessa dalla puntura di una zanzara del genere Aedes infettata da uno qualsiasi dei
quattro virus che costituiscono la dengue. I sintomi, che compaiono da e fino a 14 giorni dopo l'infezione,
vanno in genere da febbre lieve a febbre alta invalidante con forte mal di testa, dolore dietro agli occhi,
dolori muscolari ed articolari ed eruzioni cutanee.
Le autorità suggeriscono ai viaggiatori di prendere adatte misure di protezione individuale durante il giorno
per ridurre le punture delle Aedes, tipiche zanzare diurne. Tali misure di prevenzione sono ampiamente
descritte in altra parte del sito del MET suggeriamo di leggerle ed approfondirle.
L’OMS collabora con il Ministero portoghese della Salute per sviluppare rapidamente differenti strategie
di controllo vettoriale con particolare attenzione alle possibilità che la trasmissione si possa verificare nei
porti.
L’OMS incoraggia inoltre le autorità sanitarie di zone geografiche contigue e gli Stati membri a mettere
anch’esse misure di controllo per evitare il rischio di introduzione ed insediamento di Aedes sul loro
territorio.
I viaggiatori con diagnosi di dengue al ritorno dalle aree colpite devono essere segnalati tempestivamente
ai sistemi di sorveglianza.
In relazione a questo evento, al momento non ci sono restrizioni ufficiali al movimento di uomini o mezzi
dentro e fuori Madeira.
 
Rischio biologico: basso, attenersi comunque ai comportamenti precauzionali suggeriti dal MET

Trovi interessante questa pagina? Condividila su Facebook!

Planisfero e Schede paese

Aggiornamento in tempo reale della situazione sanitaria dei paesi del mondo. Schede Paese e Alert sanitari

Scopri i dettagli »

Scarica l'app TravelClinic

Porta la Travel Clinic CESMET sempre con te. L’applicazione che ti informa nei tuoi viaggi nel mondo.

Scopri i dettagli »

La TH Card

Assistenza medica 24/h in ogni parte del Mondo in costante collegamento con la tua Travel Clinic di fiducia.

Scopri i dettagli »

Prenota un appuntamento

Per prenotare una visita, prendere un appuntamento per una vaccinazione, informazioni sui servizi.

Scopri i dettagli »