Casi di malaria a Trento ed in Italia

RIFLESSIONI E COMMENTI SULLA MALARIA DOPO IL CASO DI TRENTO

10 settembre 2017                                                                           
Commento del Dr. Paolo Meo - medico tropicalista, presidente della travel Clinic CESMET, lavoro in collaborazione con dr. Maria Anna Pierro, infermiera CESMET. 

Presso la Travel Clinic CESMET si esegue il pacchetto di esami diagnostici per la diagnosi di MALARIA comprende:
-test di biologia molecolare per la ricerca dei parassiti nel sangue;
-test emoscopico ( striscio e goccia spessa );
-test in emocromatografia per la ricerca dei parassiti della malaria (test rapido); 
-emocromo, ves, PCR, mucoproteine, glicemia.
La diagnosi finale è elaborata dal medico specialista con la valutazione delle altre analisi cliniche
 
Dopo l'episodio della morte della piccola Sara, la bambina trentina di 4 anni, deceduta presumibilmente per una puntura di zanzara infetta, ricevuta durante il soggiorno in un camping a Bibbione, in Veneto, vale la pena commentare i dati estrapolati dalle casistiche ufficiali della malaria in Italia. E' verosimile l'origine da zanzara importata sia per i tempi di incubazione della malattia, che per come si sono svolti i fatti, compreso il ricovero di alcuni giorni presso il reparto di Trento, insieme ai piccoli bambini africani, rientrati da Burkina Faso con la malaria
Da dati ufficiali dell'ISS: ‘Malaria surveillance in Italy: the 2000-2008 national pattern of imported cases  (http://www.simetweb.eu/document/1418)  studio pubblicato nel 2010.                                                                            
Periodo di studio : 2000 – 2008      ( dati su 8 anni di studio )                                                                                                              
casi notificati :  in totale 6377 di cui: - 9 autoctoni (in soggetti che non hanno viaggiato);                                                      
                                                          - 6368 di importazione (in soggetti che hanno viaggiato);      
dei 6377 casi totali:                           - 1749 (27,5%) in cittadini italiani;                                                                                                                          
                                                          - 4619  (72,5%) in cittadini stranieri;                                                  
Negli anni si è manifestato un calo di circa il 60% tra gli italiani e del 33% tra gli stranieri.                            
La malaria è stata contratta nel 93% in Africa ( costa occidentale )
Agente responsabile di malattia:        - Plasmodium falciparum: 83% dei casi totali                                                
                                                             0.5% di letalità: con 27 morti ( 20 italiani e 7 stranieri)                          
                                                           - Pl.vivax :                              8,4% dei casi totali                                                
  di questi:                                                                                     76% in Asia                                                      
                                                                                                     87% America centrale e del Sud                                                                                                                
                                                                                                     85% Nuova Guinea        
                                                           - Pl.ovale:                         6,5%dei casi totali                                                                              
                                                           - Pl.malariae                      1,6% dei casi totali
 
Periodo di studio : 2011 – 2015      ( dati su 4 anni di studio )
casi notificati :  in totale 3633 di cui:  - 7 autoctoni (in soggetti che non hanno viaggiato);                                                        
                                                           - 3626 di importazione (in soggetti che hanno viaggiato);      
dei 6377 casi totali:                            -   728 (20,0%) in cittadini italiani;                                                                                                                          
                                                           - 2908  (80,0%) in cittadini stranieri;  
Agente responsabile di malattia:        - Plasmodium falciparum: 82% dei casi totali                                                
                                                             0.5% di letalità: con 27 morti ( 20 italiani e 7 stranieri)                          
                                                           - Pl.vivax :                              12% dei casi totali                                                    
                                                           - Pl.ovale:                           6,5%  dei casi totali                                                                            
                                                           - Pl.malariae                         1,6%  dei casi totali                                                                
                                                           - infezioni miste                    0.4% dei casi totali                                                  
                                                     92% dei casi : origine Continente africano (Africa occidentale)                            
                                                       7% dei casi:  origine continente asiatico                                                                                            
                                                    0.6% dei casi : paesi America centro meridionale                                                                              
                                                    0.1% dei casi: Oceania ( Papua-Nuova Guinea)-                                                           
 Come si può vedere dai dati precedenti, sia nel periodo 2000/2008 che nel periodo 2011/2015 si sono manifestati alcuni casi di malaria in soggetti che non avevano viaggiato all'estero. Questi casi, spesso classificati, criptici, cioè da causa ignota, sono avvenuti nelle vicinanze di aeroporti internazionali, per il trasporto di singole zanzare, infettate dal parassita della malaria, da aerei o da bagagli provenienti da aree endemiche della malattia. Casi rari, unici, per i quali è impossibile prevederne il contagio e l'infezione in persone punte dall'insetto. In questi casi l'unico intervento può e deve essere effettuato sull'aereo, dove la sanificazione si rende obbligatoria.  Impossibile ogni intervento preventivo sui bagagli personali dei viaggiatori, che dovrebbero essere trattati al loro interno con DEET, al momento della partenza dal paese tropicale. Gli entomologi, ossia gli esperti in insetti, confermano che i rari focolai di “Anopheles nostrana” presenti sul territorio nazionale, ed in genere nei paesi dell'Europa Mediterranea, hanno una difficile capacità di infettarsi e di mantenere il ciclo del parassita all'interno del loro organismo, ed in particolare delle ghiandole salivari. E questa è una buona notizia poiché diminuisce notevolmente il rischio dell'attecchimento del parassita nel nostro paese.
Diversa è la situazione dei casi importati ogni anno da viaggiatori che si recano nei paesi a rischio malarico e si ammalano per mancanza di cultura preventiva. Vediamo che tra il 70% e l'80% dei casi è da imputare a immigrati che, dopo un soggiorno più o meno lungo, o per essere nati nel nostro paese, tornano a casa, nei loro paesi di origine, senza applicare alcuna regola preventiva. E questo è il problema principale. La popolazione immigrata, dopo lunghi periodi di soggiorno in Europa, perde quella capacità di contrastare il parassita con le proprie difese naturali, ed ha la stessa probabilità di ammalare di un qualsiasi viaggiatore europeo. 
Per questo motivo la responsabilità è di ciascuno di noi, medici che seguono e consigliano i viaggiatori, e delle proprie comunità nazionali di immigrati, che dovrebbero sensibilizzare i partenti ad una massima attenzione alla puntura delle zanzare e ad una protezione farmacologica. 
Ricordo che chi torna in tropico, nelle proprie famiglie e comunità / cabile allargate, vive strettamente a contatto con familiari, amici e conoscenti del posto, spesso portatori sani del plasmodio, in ambienti dove la possibilità di contagio per puntura di zanzara infetta è sicuramente maggiore rispetto a chi vive in alberghi, resort o residenza per stranieri dove il rischio di essere punti da zanzare infette è minore. La netta differenza tra i due cluster di viaggiatori e la differente percentuale di presenza di malattia conferma questo fatto. La popolazione immigrata ed in particolare i piccoli bambini, che soggiornano con scarsissime protezioni, nei loro ambienti ad alto ed altissimo rischio, dovrebbero essere sensibilizzate ad effettuare protezioni per evitare il contagio della pericolosa malattia. I due bambini, ricoverati a Trento, tornati dal Burkina Faso, malati di malaria, dove erano andati a trovare la loro famiglia, e a lei si erano ricongiunti, hanno vissuto probabilmente, come quasi sempre accade, in abitazioni con scarse protezioni contro gli insetti vettori.
Devo dire, per esperienza diretta, che anche in questi paesi molto è cambiato. L'utilizzo delle zanzariere trattate, sempre più diffuso, nelle abitazioni, per le campagne continue delle autorità sanitarie locali, hanno notevolmente migliorato la situazione della malattia rispetto a qualche anno fa. Ma tutto questo non basta. I piccoli viaggiatori dovrebbero essere trattati, magari con Olio di Neem Compositum, durante la giornata e soprattutto alla sera. Quando vivono nei loro cortili, con tutta la famiglia, intorno ai focolari, dove si cucina la cena. La stessa popolazione viaggiante dovrebbe imparare ad utilizzare i farmaci idonei alla protezione dal temibile parassita. La malaria va prevenuta e non curata dopo l'attacco nell'organismo. Questa è una regola fondamentale che va riscoperta e attuata sempre.                                                                                                           
                                                                                                         
 
05 settembre 2017
Commento del Dr. Paolo Meo - medico tropicalista, presidente della travel Clinic CESMET, lavoro in collaborazione con dr. Maria Anna Pierro, infermiera CESMET.                                                                                                                                                                                            
Commentando il caso della piccola Sofia di Trento, la bambina morta di “malaria cerebrale” all’ospedale di Brescia, che non si è mai recata in paesi dove è presente il rischio di malattia, occorre affermare con chiarezza che i rischi di ammalare di malaria sul nostro territorio nazionale sono praticamente nulli, ma come si vede non assenti. Ciò che è impossibile riguarda l’eventuale contagio attraverso la puntura della zanzara Anopheles, in quanto questo tipo di zanzara non esiste in Italia. La storia della malattia in Italia ci dice che si sono verificati rarissimi casi di contagio da zanzare Anopheles trasportate da aerei, nei pressi di aeroporti intercontinentali, ed ancora più rari casi ipotizzati per trasporto di zanzare infette, attraverso valigie o bagagli, provenienti dalle aree tropicali. Eventi singoli, rarissimi, non controllabili. Altri casi di contagio molto rari sono stati dimostrati attraverso trasfusioni di sangue. Gli eventi sono eccezionali ed anche poco dimostrabili.
Deve essere chiaro che non esiste quindi alcun allarme malaria in Italia ed in Europa, né potrebbe esserci per le nostre attuali condizioni ambientali. Non è possibile la trasmissione della malaria dalla popolazione immigrata proveniente dai paesi dell’area del tropico in quanto non esiste il vettore, ossia la zanzara, capace di trasmettere questo tipo di malattia.
Confermo le parole del dottor Rezza, medico epidemiologo e responsabile del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità. Il caso c’è stato, è indubbio, ma è criptico, ossia non se ne conosce l’origine. Ma è stato unico e non ci sono le condizioni di ripetitività. Ossia qui in Italia la diffusione della malattia non può avvenire nelle condizioni attuali. Le autorità sanitarie competenti sono costantemente allertate sul territorio per il riconoscimento delle differenti famiglie di insetti, ed in particolare di zanzare, intervenendo dove si verificano situazioni di rischio. Il controllo degli insetti e delle zanzare è quindi condizione essenziale per mantenere nullo il contagio di questa malattia. 
Quindi il messaggio generale che viene dai medici tropicalisti è quello di stare assolutamente tranquilli e non pensare di potersi contagiare ed ammalare di una malattia che da noi non esiste.
Diverso il discorso per chi si reca nei paesi dove è presente la malattia. Non bisogna prendere sotto gamba il rischio “sempre presente” di ammalare di malaria. In Africa ed in diversi posti dell’Asia e dell’America Latina, il rischio è sempre presente e occorre proteggersi con buoni repellenti e con una buona e mirata profilassi farmacologica, il cui farmaco deve essere scelto bene per le caratteristiche di ciascuno. Ma questa è un'altra questione che devono affrontare i viaggiatori.
 
                                                                                             
 
 
Diverso il discorso per chi si reca nei paesi dove è presente la malattia. Non bisogna prendere sotto gamba il rischio “sempre presente” di ammalare di malaria. In Africa ed in diversi posti dell’Asia e dell’America Latina, il rischio è sempre presente e occorre proteggersi con buoni repellenti e con una buona e mirata profilassi farmacologica, il cui farmaco deve essere scelto bene per le caratteristiche di ciascuno. Ma questa è un'altra questione che devono affrontare i viaggiatori.
 
Quindi il messaggio generale che viene dai medici tropicalisti è quello di stare assolutamente tranquilli e non pensare di potersi contagiare ed ammalare di una malattia che da noi non esiste.
Diverso il discorso per chi si reca nei paesi dove è presente la malattia. Non bisogna prendere sotto gamba il rischio “sempre presente” di ammalare di malaria. In Africa ed in diversi posti dell’Asia e dell’America Latina, il rischio è sempre presente e occorre proteggersi con buoni repellenti e con una buona e mirata profilassi farmacologica, il cui farmaco deve essere scelto bene per le caratteristiche di ciascuno. Ma questa è un'altra questione che devono affrontare i viaggiatori.
 
Se al rientro da un viaggio hai bisogno di un test di laboratorio per la malaria come
 o di una visita di un tropicalista telefona al centralino della travel clinic CESMET: 0639030481
Confermo le parole del dottor Rezza, medico epidemiologo e responsabile del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità. Il caso c’è stato, è indubbio, ma è criptico, ossia non se ne conosce l’origine. Ma è stato unico e non ci sono le condizioni di ripetitività. Ossia qui in Italia la diffusione della malattia non può avvenire nelle condizioni attuali. Le autorità sanitarie competenti sono costantemente allertate sul territorio per il riconoscimento delle differenti famiglie di insetti, ed in particolare di zanzare, intervenendo dove si verificano situazioni di rischio. Il controllo degli insetti e delle zanzare è quindi condizione essenziale per mantenere nullo il contagio di questa malattia. 
Quindi il messaggio generale che viene dai medici tropicalisti è quello di stare assolutamente tranquilli e non pensare di potersi contagiare ed ammalare di una malattia che da noi non esiste.
Diverso il discorso per chi si reca nei paesi dove è presente la malattia. Non bisogna prendere sotto gamba il rischio “sempre presente” di ammalare di malaria. In Africa ed in diversi posti dell’Asia e dell’America Latina, il rischio è sempre presente e occorre proteggersi con buoni repellenti e con una buona e mirata profilassi farmacologica, il cui farmaco deve essere scelto bene per le caratteristiche di ciascuno. Ma questa è un'altra questione che devono affrontare i viaggiatori.
 
Deve essere chiaro che non esiste quindi alcun allarme malaria in Italia ed in Europa, né potrebbe esserci per le nostre attuali condizioni ambientali. Non è possibile la trasmissione della malaria dalla popolazione immigrata proveniente dai paesi dell’area del tropico in quanto non esiste il vettore, ossia la zanzara, capace di trasmettere questo tipo di malattia.
Confermo le parole del dottor Rezza, medico epidemiologo e responsabile del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità. Il caso c’è stato, è indubbio, ma è criptico, ossia non se ne conosce l’origine. Ma è stato unico e non ci sono le condizioni di ripetitività. Ossia qui in Italia la diffusione della malattia non può avvenire nelle condizioni attuali. Le autorità sanitarie competenti sono costantemente allertate sul territorio per il riconoscimento delle differenti famiglie di insetti, ed in particolare di zanzare, intervenendo dove si verificano situazioni di rischio. Il controllo degli insetti e delle zanzare è quindi condizione essenziale per mantenere nullo il contagio di questa malattia. 
Quindi il messaggio generale che viene dai medici tropicalisti è quello di stare assolutamente tranquilli e non pensare di potersi contagiare ed ammalare di una malattia che da noi non esiste.
Diverso il discorso per chi si reca nei paesi dove è presente la malattia. Non bisogna prendere sotto gamba il rischio “sempre presente” di ammalare di malaria. In Africa ed in diversi posti dell’Asia e dell’America Latina, il rischio è sempre presente e occorre proteggersi con buoni repellenti e con una buona e mirata profilassi farmacologica, il cui farmaco deve essere scelto bene per le caratteristiche di ciascuno. Ma questa è un'altra questione che devono affrontare i viaggiatori.
Deve essere chiaro che non esiste quindi alcun allarme malaria in Italia ed in Europa, né potrebbe esserci per le nostre attuali condizioni ambientali. Non è possibile la trasmissione della malaria dalla popolazione immigrata proveniente dai paesi dell’area del tropico in quanto non esiste il vettore, ossia la zanzara, capace di trasmettere questo tipo di malattia.
Confermo le parole del dottor Rezza, medico epidemiologo e responsabile del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità. Il caso c’è stato, è indubbio, ma è criptico, ossia non se ne conosce l’origine. Ma è stato unico e non ci sono le condizioni di ripetitività. Ossia qui in Italia la diffusione della malattia non può avvenire nelle condizioni attuali. Le autorità sanitarie competenti sono costantemente allertate sul territorio per il riconoscimento delle differenti famiglie di insetti, ed in particolare di zanzare, intervenendo dove si verificano situazioni di rischio. Il controllo degli insetti e delle zanzare è quindi condizione essenziale per mantenere nullo il contagio di questa malattia. 
Quindi il messaggio generale che viene dai medici tropicalisti è quello di stare assolutamente tranquilli e non pensare di potersi contagiare ed ammalare di una malattia che da noi non esiste.
Diverso il discorso per chi si reca nei paesi dove è presente la malattia. Non bisogna prendere sotto gamba il rischio “sempre presente” di ammalare di malaria. In Africa ed in diversi posti dell’Asia e dell’America Latina, il rischio è sempre presente e occorre proteggersi con buoni repellenti e con una buona e mirata profilassi farmacologica, il cui farmaco deve essere scelto bene per le caratteristiche di ciascuno. Ma questa è un'altra questione che devono affrontare i viaggiatori.
 
Deve essere chiaro che non esiste quindi alcun allarme malaria in Italia ed in Europa, né potrebbe esserci per le nostre attuali condizioni ambientali. Non è possibile la trasmissione della malaria dalla popolazione immigrata proveniente dai paesi dell’area del tropico in quanto non esiste il vettore, ossia la zanzara, capace di trasmettere questo tipo di malattia.
Confermo le parole del dottor Rezza, medico epidemiologo e responsabile del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità. Il caso c’è stato, è indubbio, ma è criptico, ossia non se ne conosce l’origine. Ma è stato unico e non ci sono le condizioni di ripetitività. Ossia qui in Italia la diffusione della malattia non può avvenire nelle condizioni attuali. Le autorità sanitarie competenti sono costantemente allertate sul territorio per il riconoscimento delle differenti famiglie di insetti, ed in particolare di zanzare, intervenendo dove si verificano situazioni di rischio. Il controllo degli insetti e delle zanzare è quindi condizione essenziale per mantenere nullo il contagio di questa malattia. 
Quindi il messaggio generale che viene dai medici tropicalisti è quello di stare assolutamente tranquilli e non pensare di potersi contagiare ed ammalare di una malattia che da noi non esiste.
Diverso il discorso per chi si reca nei paesi dove è presente la malattia. Non bisogna prendere sotto gamba il rischio “sempre presente” di ammalare di malaria. In Africa ed in diversi posti dell’Asia e dell’America Latina, il rischio è sempre presente e occorre proteggersi con buoni repellenti e con una buona e mirata profilassi farmacologica, il cui farmaco deve essere scelto bene per le caratteristiche di ciascuno. Ma questa è un'altra questione che devono affrontare i viaggiatori.
 
Deve essere chiaro che non esiste quindi alcun allarme malaria in Italia ed in Europa, né potrebbe esserci per le nostre attuali condizioni ambientali. Non è possibile la trasmissione della malaria dalla popolazione immigrata proveniente dai paesi dell’area del tropico in quanto non esiste il vettore, ossia la zanzara, capace di trasmettere questo tipo di malattia.
Confermo le parole del dottor Rezza, medico epidemiologo e responsabile del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità. Il caso c’è stato, è indubbio, ma è criptico, ossia non se ne conosce l’origine. Ma è stato unico e non ci sono le condizioni di ripetitività. Ossia qui in Italia la diffusione della malattia non può avvenire nelle condizioni attuali. Le autorità sanitarie competenti sono costantemente allertate sul territorio per il riconoscimento delle differenti famiglie di insetti, ed in particolare di zanzare, intervenendo dove si verificano situazioni di rischio. Il controllo degli insetti e delle zanzare è quindi condizione essenziale per mantenere nullo il contagio di questa malattia. 
Quindi il messaggio generale che viene dai medici tropicalisti è quello di stare assolutamente tranquilli e non pensare di potersi contagiare ed ammalare di una malattia che da noi non esiste.
Diverso il discorso per chi si reca nei paesi dove è presente la malattia. Non bisogna prendere sotto gamba il rischio “sempre presente” di ammalare di malaria. In Africa ed in diversi posti dell’Asia e dell’America Latina, il rischio è sempre presente e occorre proteggersi con buoni repellenti e con una buona e mirata profilassi farmacologica, il cui farmaco deve essere scelto bene per le caratteristiche di ciascuno. Ma questa è un'altra questione che devono affrontare i viaggiatori.

Trovi interessante questa pagina? Condividila su Facebook!

Planisfero e Schede paese

Aggiornamento in tempo reale della situazione sanitaria dei paesi del mondo. Schede Paese e Alert sanitari

Scopri i dettagli »

Scarica l'app TravelClinic

Porta la Travel Clinic CESMET sempre con te. L’applicazione che ti informa nei tuoi viaggi nel mondo.

Scopri i dettagli »

La TH Card

Assistenza medica 24/h in ogni parte del Mondo in costante collegamento con la tua Travel Clinic di fiducia.

Scopri i dettagli »

Prenota un appuntamento

Per prenotare una visita, prendere un appuntamento per una vaccinazione, informazioni sui servizi.

Scopri i dettagli »